amartevents

Vai ai contenuti

Menu principale:

News da AM ArtEVEnts

News dal mondo dell’Arte.
Rubrica a cura di Andrea Malaman
 
 
 


Palio in Arte.


Montagnana (Pd), da domenica 11 agosto a domenica primo settembre

Appuntamento curato da AM Artevents ed inserito nel cartellone del Palio dei 10 Comuni del Montagnanese 2019


“Palio in Arte”, in programma nella Città Murata di Montagnana da domenica 11 agosto a domenica 1 settembre 2019. L’associazione Palio dei 10 Comuni del Montagnanese, guidata dal 2018 dal presidente Stefano Gastaldo, sta lavorando per portare all’interno della complessa macchina organizzativa del Palio, nuova linfa, con nuovi stimoli ed idee per una rivalutazione dell’edizione storica principe del territorio Padovano, il tutto però nel solco della tradizione. In questo senso è ispirata l’iniziativa ideata da AM Artevents “Palio in Arte”, kermesse inserita all’interno del carnet di appuntamenti del Palio edizione 2019, presentando ben tre mostre all’interno del plesso principe della Città murata ossia Castel San Zeno, dando così il loro contributo alla manifestazione del Palio dei 10 Comuni del Montagnanse; manifestazione che nel corso degli anni ha saputo annoverare nomi sacri dell’arte nazionale quali Aligi Sassu, Toni Zancanaro, Pietro Annigoni, solo per citarne tre. In pratica con “Palio in Arte” l’arte moderna ritorna ancor più protagonista nella Città dei Carraresi con nuove proposte nazionali e del territorio. Per una ventina di giorni da domenica 11 agosto a domenica primo settembre, Montagnana avrà con “Palio in Arte” una pinacoteca d’arte nell’area di Castel San Zeno, proponendo in Sala Veneziana l’arte graffiante quanto provocatoria ed attraente dell’artista milanese Vania Elettra Tam, autrice dell’opera pittorica che andrà in premio al comune vincitore del Palio 2019. Protagonista sarà sempre il colore, la novità ma ancor più la curiosità dell’arte pittorica di Luca Saggioro, l’artista Montagnanese che esporrà la sua personale in Sala Veneziana arricchita dall’opera che andrà in premio al Comune vincitore della tenzone dei Gonfaloni. La ceramica invece sarà di scena nella sala “Pavan-Costantin”, con la personale della giovane artista montagnanese Marzia Galglian, la quale con brio creativo, presenta i suoi lavori, frutto di una attenta quanto certosina ricerca della qualità creativa presente in tutte le sue creazioni tra le quali la ceramica che sarà il premio del Comune vincitore della tenzone della Combinata.










18 Maggio 2019 - 12 Agosto 2019
Parma, Complesso Monumentale della Pilotta, Galleria Nazionale
LA FORTUNA DELLA SCAPILIATA DI LEONARDO DA VINCI


È una sequenza strepitosa di capolavori, a partire da ben 4 opere di Leonardo, quella che offre la Galleria Nazionale di Parma con la mostra “La fortuna della Scapiliata di Leonardo da Vinci” (18 maggio – 12 agosto 2019), a cura di Pietro C. Marani e Simone Verde. Accanto a quelle di Leonardo, il pubblico vi potrà ammirare opere di altissimo livello di Gherardo Starnina, Bernardino Luini, Hans Holbein, Tintoretto, Giovanni Lanfranco…, tutte riunite intorno alla affascinante Scapiliata, patrimonio del Complesso Monumentale della Pilotta di Parma. La mostra, organizzata dal Complesso Monumentale della Pilotta e Fondazione Cariparma presso la Galleria Nazionale di Parma rientra tra quelle ufficiali del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.


12 Aprile 2019 - 03 Novembre 2019
Stra (Riviera del Brenta), Villa Nazionale Pisani
INTRAMONTABILI ELEGANZE. DIOR a VENEZIA nell’archivio Cameraphoto


1951, un anno magico per Venezia. Gli scorci più intriganti della città sono coprotagonisti dalla campagna che in tutto il mondo diffondeva le proposte di quello che è il sarto più popolare del momento: Christian Dior.
E, nello stesso anno, il 3 settembre si celebra a Palazzo Labia il “Ballo del Secolo”, quel Bal Oriental voluto da Don Carlos de Beistegui y de Yturbe, che richiamò dai 5 continenti un migliaio di protagonisti del jet set. Un ballo in maschera che impegnò Dior, con Dalì, il giovanissimo Cardin, Nina Ricci e altri, in veste di creatore dei costumi per gli illustrissimi ospiti. Un evento che riverberò nel mondo i fasti del Settecento Veneziano.
Silenziosi testimoni di entrambi gli eventi furono i fotografi di Cameraphoto, l’agenzia fotografica veneziana fondata nel ’46 da Dino Jarach, che in quegli anni “copriva” e documentava tutto ciò che di speciale accadeva a Venezia e non solo.
Per volontà di Vittorio Pavan, attuale conservatore dell’imponente Archivio di Cameraphoto (la sola parte storica vanta oltre 300 mila negativi schedati) e di Daniele Ferrara, Direttore del Polo Museale Veneto, le immagini di quei due storici avvenimenti vengono esposte al pubblico. Per farle riemergere si è scelta una location straordinaria, Villa Nazionale Pisani a Stra, la “Regina” delle Ville Venete, che, e non è un caso, è impreziosita da meravigliosi affreschi di Giambattista Tiepolo. Artista che dominò, dai soffitti di Palazzo Labia, la memorabile festa del 1951.





Giornalista, promotore e curatore indipendente di eventi e iniziative dedicate all’arte contemporanea. Nel suo percorso di ideatore ha dedicato particolare attenzione per più settori artistici, con particolare attenzione verso la pittura, la fotografia, la scultura. Ha organizzato curandone anche gli aspetti editoriali, grafici e artistici numerose mostre e progetti per istituzioni pubbliche.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu